Ecco il racconto di Anita, zavorrina per un giorno (per un motivo veramente speciale)

Due giorni dopo e sono ancora tutta rotta: gambe, spalle, braccia, collo, schiena… quasi quasi mi fanno male anche le sopracciglia! Non ce n’è, ragazzi, non c’ho il fisico! E a 48 ore di distanza sono ancora tutta indolenzita e bloccata, che a confronto Robocop potrebbe passare tranquillamente per un ballerino di salsa. Ma come fate? Siete fatti di che cosa?? Cosa mangiate a colazione???

Però, però, però… che bella esperienza un’altra volta, grazie!!! È la seconda ormai per me, che partecipo ai giri organizzati in ricordo di Alessandra, e che quindi sono solo una “Zavorrina per un giorno”.

Eppure, una cosa che mi sorprende tutte le volte è lo spirito di accoglienza e inclusione del gruppo, che coinvolge senza distinzione anche chi, come me, si è visto solo un anno prima, e in certi casi addirittura mai, a seconda di chi ha partecipato oppure no ai giri precedenti.

E ogni volta mi si apre davanti un mondo che finora ho solo sbirciato, fatto di grandi amicizie e di voglia di costruirne altre, di senso di solidarietà e comunanza, di facce conosciute e nuove, di soste in cui, fuori da un bar, si discute di un grande problema che affligge un po’ tutti: le cimici…

E sorrisi, tanti sorrisi che ti fanno proprio sentire a tuo agio, coccolata, come se fossi tra amici di sempre.

E poi c’è lui, il grandissimo Numero Uno Marco (Sherpa), colui che rende possibile tutto questo, perché ha la maestria, l’esperienza e il cuore per farlo. Il mio uomo-garanzia che non si tira mai indietro quando si tratta di trasportare la sottoscritta, un vero e proprio sacco di patate, che per di più è pure una fifona patentata e ha paura anche della sua stessa ombra… figuriamoci della moto!!! E invece no, lui, con la sua guida sicura, morbida e sempre fluida nonostante i mille tornanti, ti fa capire, là dietro, che è tutto sotto controllo e che non c’è niente da temere: i chilometri macinati su due ruote nel corso degli anni hanno costruito, curva dopo curva, un’esperienza di guida che più che affidabile, definirei… granitica!!! E poi c’è il Marco con il cuore e con la testa, quello che si mette a disposizione degli altri biker e ferma le macchine agli incroci e alle rotonde per mantenere unita la formazione, o sorpassa le macchine che hanno “sporcato” il gruppo per poi rallentare e far passare le moto rimaste indietro così da ricompattare la carovana. Questo è lo spirito migliore del motociclismo di squadra!

Grazie Marco, per esserti sacrificato quando gli organizzatori ti hanno chiesto di fare da motoscopa perché questo mi faceva sentire più sicura, e di avere mantenuto la parola quando ti ho chiesto di… «guidare come un pensionato»! Tu!!! Proprio tu!!! Che invece di solito (così almeno mi dicono) corri come un fulmine e «non sei tranquillo neanche quando dormi»!!! Grazie per avermi sempre rassicurata quando ce n’è stato bisogno e avermi chiesto così spesso se andava tutto bene. E infine, grazie per non aver fatto una piega nonostante le mille botte che ti ho dato con il casco… talmente tante da giustificare, probabilmente, un trauma cranico… “SDENG!” 🙂

Ma soprattutto, grazie a tutti per avermi regalato un’altra esperienza entusiasmante. Sono sicura che la Ale, da lassù, ci ha guardato con un sorriso.

Grazie di cuore anche per questo! ”

ANITA

RACCONTACI I TUOI VIAGGI IN MOTO DA ZAVORRINA


CONDIVIDI CON NOI LA TUA PASSIONE

INVIACI LA TUA AVVENTURA DA ZAVORRINA

IN REGALO PER TE

LO STICKER UFFICIALE  DI ZAVORRINA!!!!


COSA ASPETTI ???!!!

CONDIVIDI IL TUO #VIAGGIODAZAVORRINA